UNA VITA MESSA A CONFRONTO

Negli ultimi 20 anni abbiamo assistito ad uno stravolgimento senza precedenti del mondo come lo conoscevamo.

Io stessa all’età di 40 anni, ho visto scorrere il tempo come un fiume, senza accorgermi di quanto il mondo ai miei occhi stava ed è cambiato.

Tre sono i fattori più evidenti che contraddistinguono questo cambiamento: l’innovazione tecnologica, la globalizzazione, il cambiamento climatico.

L’accesso alla potenza tecnologica ha creato un ponte di informazioni che ha quasi disorientato il mondo stesso, dove da un lato ha dato la possibilità di accedere alle informazioni più remote e dall’altra la stessa possibilità di annientare l’uomo. Una visione che a volte si perde di vista affannandosi a parlare della complessità del nostro tempo e alle minacce su cui tende a concentrare l’attenzione una certa narrazione negativa.

Da quando è cominciato lo sviluppo industriale moderno, ci sono stati 3 grandi rivoluzioni industriali.

La rivoluzione industriale vera e propria che ebbe luogo in Inghilterra (1780-1840), in cui il processo di sviluppo è dominato dall’introduzione e dalla diffusione della macchina a vapore.

La seconda rivoluzione industriale (1840-1900) è dominata dalla macchina a vapore per usi mobili (per es. navi a vapore). La terza rivoluzione industriale (1900-1950) vede una maggiore varietà di grandi innovazioni: elettricità, motore a scoppio, chimica. Accanto al carbone compaiono l’elettricità e il petrolio. Quella dell’automobile è una delle industrie più dinamiche di questo periodo.

Oggi stiamo vivendo la quarta rivoluzione industriale, dominata dall’elettronica, dal trasporto aereo e dall’energia atomica.

Una grande riflessione di Marco Montemagno

Oggi di nuovo c’è l’accelerazione e la diffusione del processo e c’è la crescente integrazione fra invenzioni e innovazioni, è tutto molto più veloce ed è necessario essere allenati ad uno stato di metamorfosi continua.

L'appartenenza è un'esigenza che si avverte a poco a poco, si fa più forte alla presenza di un nemico, di un obiettivo o di uno scopo.“ Giorgio Gaber

Voglio mostrarvi alcune foto che ho trovato che mi hanno fatto molto riflettere e nello stesso tempo creato anche una certa commozione,

Cambiare la natura di un'organizzazione significa cambiare il modo in cui le persone lavorano, sfidando il loro modo di pensare, i processi di lavoro quotidiani e le strategie su cui fanno affidamento.

È cambiato il modo di approcciare il lavoro quotidiano e nel modo di fare le cose, e ne siamo tutti consapevoli, ma molte volte abbiamo fatto resistenza per una questione culturale. Oggi giorno non è più possibile, anche se molti di noi vogliono sperare di poter rimanere nella nostra tanto amata “ zona di comfort”.

Una condizione mentale nella quale la persona vive meglio, provando un senso di familiarità e sentendosi a proprio agio, così facendo la persona ha il pieno controllo della propria situazione perché conosce bene tutto, si sente al sicuro perché vive in “luogo” creato sulla base di esperienze e convinzioni, in cui regnano sicurezze e abitudini e non rischi e pericoli.

Ma mai come adesso, per il periodo drammatico che stiamo vivendo, stiamo stati costretti all’improvviso a ridefinire le nostre priorità, cambiare le abitudini e vincere resistenze psicologiche.

Il cambiamento agli occhi di un bambino

La speranza è intimamente legata ai sensi ed è la capacità umana di riunire tutte le nostre forze e di concentrarle per riuscire a raggiungere un obiettivo. La parola speranza deriva dalla radice sanscrita spa-, che significa “tendere verso una meta”. Ed è proprio questo che significa sperare: protenderci verso qualcosa che non possiamo ancora vedere, ma che ci aiuta ad andare avanti.

La speranza ha a che fare con emozioni positive. Quando speriamo in qualcosa, ci sentiamo bene, pieni e motivati. Il nostro sguardo cambia, e così il nostro stato emotivo. Ci sentiamo entusiasti e pieni di energia. È un sentimento che ci rende potenti.

Sono convinta che questa situazione sarà̀ un arricchimento sotto molti punti di visti, non avevo mai vissuto un’esperienza di isolamento che mi avesse fatto percepire in modo così forte che la “socialità̀” è uno dei bisogni primari dell’essere umano, non mi ero mai occupata in modo così stringente della didattica di mia figlia, cercando di organizzare al meglio il nostro tempo a casa; non avevo mai apprezzato così tanto il ritrovare se stessi e meditare.
Crisi è riscoperta e grandi opportunità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sito realizzato da Personal Wellness Certified in collaborazione con WEBRANDINGLAB

crosschevron-downplus-circle linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram